UVEITI

UVEITI.jpg

COSA SONO LE UVEITI? 
Le uveiti sono processi infiammatori dell’occhio che interessano l’uvea, la tonaca vascolare dell’occhio, che si interpone tra la sclera e la retina. Le uveiti interessano maggiormente giovani e adulti di età compresa tra i 20 e 50 anni, ma nel 5-10% dei casi coinvolgono i bambini.


QUANTI TIPI DI UVEITE ESISTONO? 
In base alla localizzazione anatomica si distinguono:

1) Uveiti anteriori: il processo infiammatorio si manifesta in camera anteriore; rappresentano circa il 50% delle uveiti e sono quelle con migliore prognosi visiva; 

2) Uveiti intermedie: sono le più rare, caratterizzate da coinvolgimento del vitreo e dei vasi retinici periferici;

3) Uveiti posteriori: l’infiammazione riguarda la retina e la coroide;

4) Panuveiti: l’infiammazione coinvolge la camera anteriore, il vitreo, la retina e/o la coroide. 


QUALI SONO LE CAUSE DELLE UVEITI?
Le cause di una uveite possono essere infettive o non infettive. Circa il 40% delle uveiti non infettive sono associate a malattie sistemiche.

 

QUALI SONO I SINTOMI DI UNA UVEITE?
I sintomi delle uveiti non sono specifici ma sono comuni ad altre patologie oculari. Un paziente con uveite potrà riferire arrossamento oculare, annebbiamento visivo, visione di corpi mobili nel campo visivo, fotofobia e dolore. Tuttavia in alcune forme di uveite il paziente non ha sintomi.

 

COME VIENE POSTA LA DIAGNOSI?
La diagnosi prevede un attento esame dei segni e dei sintomi oculari, e l’esecuzione di esami strumentali (OCT, fluorangiografia), nonché esami di laboratorio tramite prelievi ematici. Nel 40% dei casi le uveiti sono associate a patologie sistemiche, pertanto una collaborazione interdisciplinare con altri medici specialisti è fondamentale. La diagnosi può richiedere del tempo, sia per la frequente presenza di quadri clinici ambigui che per le tempistiche richieste dagli esami di laboratorio. L’unica uveite che richiede un trattamento in emergenza è la necrosi retinica, causata dagli herpes virus. Nei bambini inoltre è bene giungere ad una diagnosi e iniziare la terapia tempestivamente, per scongiurare il rischio di ambliopia (occhio pigro).

 

 

COMPLICANZE 
Le complicanze delle uveiti in grado di causare una riduzione della vista sono: cataratta, glaucoma, distacco di retina ed edema maculare.


TERAPIA 
Trovare la causa dell’uveite è fondamentale per eseguire una terapia corretta ed efficace. La terapia delle uveiti infettive prevede l’utilizzo di farmaci antivirali e antibiotici, associati a steroidi. Le uveiti non infettive sono trattate con steroidi e immunosoppressori. Gli steroidi possono essere somministrati in collirio, tramite iniezioni perioculari ed intravitreali, oppure per via sistemica. Un attento monitoraggio delle condizioni cliniche oculari e generali del paziente è importante per evidenziare eventuali effetti collaterali dei farmaci.

 

PROSPETTIVE FUTURE
Promuovere la formazione di medici oculisti specializzati nel campo delle uveiti.
Aumentare il numero dei centri ospedalieri specializzati nella gestione diagnostica e terapeutica delle uveiti.
Promuovere la ricerca scientifica nel campo delle uveiti per individuare nuovi farmaci specifici per ciascuna patologia, al fine di assicurare al paziente una terapia mirata e con minori effetti collaterali.